notizie

La puzza del ristorante è un reato: si tratta, per i profani, di “getto pericoloso di cose”, sanzionato dal Codice penale (articolo 674) con l’arresto fino a un mese o con l’ammenda fino a euro 206. I ristoratori disinvolti, che annegano i dispiaceri nel fritto dell’anno prima, sono avvertiti. A sollevare la questione un condòmino disperato, che veniva tormentato dalle emissioni del vicino esercizio pubblico.

 

Continua a Leggere su ilsole24ore.it l’articolo di Paolo Accoti e Saverio Fossati